GUIDA PRATICA PER SOPRAVVIVERE AD UN INVASIONE DI ZOMBIE. 1-PARTE

Sono le 11:23 di una mattina d’estate,
sei a fare una pennichella
dopo aver fumato un cannone d’erba di quelli stratosferici ( NON è UNA STORIA PERSONALE!)
arriva vostra madre, ebbene si lei, e con una faccia tutta tagliuzzata
e con un odore di cadavere putrefatto, cerca tranquillamente di mordervi.
Purtroppo per voi,
non è la solita puntata di The Walking Dead ma la pura e autentica realtà.
QUINDI COME AFFRONTARE IL PERICOLO?

!! ED ECCO A VOI LA SUPER GUIDA DI SOPRAVVIVENZA AD UN INVASIONE ZOMBIE DI MAURIZIANO !!

Allora facciamo che mamma zombie, magicamente non vi veda ed esca fuori di casa
per mietere altre vittime, quindi botta di … ve la siete scampata,
ma il mondo oramai è invaso da “MORDACCHI” ( MI PIACE CHIAMARLI ANCHE COSI!) !!
Per prima cosa dovete trovare un arma,
si ragazzi! Dovrete combattere! Non penserete mica che gli zomnbie muoiano da soli?!?!
Prendete assolutamente cose appuntite di grosso spessore e lunghezza
( NON MI VENITE CON UNA MATITA IN MANO PERCHè VE LA TIRO DIETRO!!!),
ci vuole qualcosa come un grosso coltello affilato, una spada , un bastone appuntito
e se la fortuna vuole una bella pistola o tutto quello che fa saltare in aria una persona o zombie,
poi dovete assolutamente trovare uno zaino abbastanza grosso dove infilare
tutto quello che potrà esservi utile tra cui coperte, cibo e magari
anche una foto di vostra madre, prima che diventasse zombie.
Ed ecco che siete pronti per abbandonare la vostra casa e buttarvi nella “giungla”
anche perchè i viveri prima o poi finiranno e fatevelo anche dire,
in tutti i film quelli che rimangono a casa muoiono.. quindi.. fate voi, io me ne vado.
Una volta fuori dovrete stare attenti non solo agli zombie che cercheranno
di sbranarvi ogni volta che vi vedranno,
ma dovrete stare attenti agli esseri umani sopravvissuti,
anche perchè ricordatevi che anche noi siamo animali,
seppur evoluti l’instinto di sopravvivenza potrebbe farci fare cose che nemmeno noi pensiamo.
Detto questo ( RIPIGLIATEVI! NON SIETE SERIAL-KILLER!)
mi raccomando per chi avesse una pistola, dovete sempre sparare il doppio colpo!
Avete presente quando a volte nei film, il personaggio spari allo zombie,
che in quel momento sembra morto e invece improvvisamente lo zombie si rianima e morde
una caviglia dello sfortunato?
Ecco…quindi non vorrete mica essere tirchi proprio il giorno dell’apocalisse?
Quindi sparare due volte alla testa non è che una nobile precauzione
per chi non volesse diventare un bel MORDACCHIO!
Poi altra cosa fondamentale.. il virus potrebbe essersi espanso in tutto il mondo..
volete farvela tutta a piedi???
Vostra mamma zombie sicuramente avrà una macchina ,
prendete le cacchio di chiavi e dirigetevi nei punti più sperduti della Terra!
Avrete bisogno di benzina e cibo quindi forza e coraggio, andiamo a FARE RIFORNIMENTO!
Allora immaginate che sarà sicuramente un caos, lo sciacallaggio sarà all’ordine del giorno,
quindi tutti ruberanno tutto a tutti, un caos!
Dirigetevi presso il vostro supermercato preferito.. io andrò alla Conad,
perchè mi son sempre stati antipatici e scippargli la roba mi farebbe felice ( CONAD!ABBASSA I PREZZI!) ,
voi andate dove volete! ( ESCLUDEREI IL LIDL, UNA VOLTA CHE POSSO SCEGLIE SENZA PAGA..VIA..),
mi raccomando che non vi venga la brillante idea di parcheggiare la macchina
proprio davanti il supermercato con tutta la gente che scappa e urla intotno,
minimo minimo parcheggiate un chilometro prima, un posto un po nascosto, non visibile,
poi armati fino ai denti vi dirigete verso il supermercato e dovrete buttarvi nella mischia,
non guardate nessuno! se vi chiedessero aiuto dite “GRAZIE, NON POSSO” ,
si sà che tutti quelli che si fermano mentre corrono, muoiono, quindi andate dritti,
prendete un cestello o qualcosa di simile e afferrate tutto quello
che è a lunga conservazione!!! ( LO Sò , IO VORREI PRENDERE TANTO QUEI BUDINI DA 0,20CENT,
MA FUORI FRIGO DOPO NEMMENO DUE ORE SONO BOMBE CHIMICHE…… FORSE LA CAUSA DEL VIRUS?….),
detto questo stati attenti che tra uno scaffale e l’altro
non vi compaia la cassiera zombie che voglia sbranarvi, state sempre con le vostri armi
in mano ben impugnate e guardatevi sempre le spalle!
Anche perchè non è mica detto che gli zombie mentre camminino facciano
tutti quei versi con la bocca, magari ci sono quelli silenziosi!
Pensa, come se Sabrina Salerno diventasse zombie.. pensate veramente che arrivi
alle vostre spalle , mugolando quegli orribile versi?..minimo canterà Boys anche da zombie!
Quindi guardetevi sempre dietro!
Ora che avete preso anche acqua ed altri bene infermieristici e li avrete messi
al sicuro nel vostro zaino dirigetevi verso l’uscita del supermercato
e correte senza guardare nessuno …..fuori dal quel posto!!!
Ora che siete fuori sappiate che siete sempre in pericolo!
Dritti alla macchina e via, lontano dal paese, dalla città, lontano dalle zone abitate!
( IO ANDREI IN BARCA!LEGATO AL PONTILE DI SAN VINCENZO (LIVORNO) )
Anche perchè meno gente vive in un posto, meno probabili zombi ci saranno da evitare.
Ora non vi rimane che trovare una casetta e blindarla!
Se per il cammino trovate delle persone per la strada che camminano assicuratevi
che non siano zombie e cercate degli alleati!
Quelli che sono scappati dalla città hanno la stessa motivazione di vita in comune con te,
la voglia di sopravvivere! Quindi TROVA DEGLI ALLEATI!
Da qui parte la scelta su chi scegliere o meno…siccome il virus ha reso quasi
tutti MORDACCHI, non fare lo schizzinoso e alleati con chiunque conosci personalmente
o comunque con chiunque non cerchi di ucciderti! ( SI ALCUNI LO FARANNO!)
NON VI FIDATE assolutamente delle famigliole che camminano per strada,
se ci fate caso sono sempre i primi a rubare le macchine e il cibo
per far sopravvivere loro e i loro figli.. STICAZ..!
IO NON MI FIDEREI! Se possibile alleatevi con una ragazza nera,
loro son sempre veloci, scattanti, silenziose, e poi purtroppo per loro,
in ogni trama horror che si rispetti, il ragazzo/a nero/a muoiono sempre per primi..
quindi, una salvezza per tutti voi di carnagione chiara, è tipo un campanellino d’allarme!
E poi si! alleatevi sempre con il ” BONO” di turno, ( almeno che non lo siate voi),
quelli “BONI” sanno sempre sparare, cucinare, fare le trappole, e poi son “BONI”.
Quindi  dopo aver creato un gruppo di alleati, quindi io sarò sicuramente
con una ragazza nera e un “BONO”, PRENDETE e cercate un alloggio dove stare.
Ora fate conto che siete arrivati tipo sul monte Amiata,
cercate una di quelle capanne in legno, controllate se all’interno non ci siano dei MOrdacchi,
se ci fossero, bè, sapete cosa fare… E BLINDATELA!
Fate trappole fuori per gli zombie! Non fate troppo casino! Non fate festini particolari!
Gli zombie potrebbero arrivare in qualunque momento!
Controllate se la casa ha una radio o qualcosa per strasmettere,
e controllate periodicamente come si svolge la situazione nel mondo,
in questo caso informarsi potrebbe salvarvi la vita!

Ora io vi ho elencato alcune cose che sono le basilari!
Se le eseguite fate conto che sicuramente camperete qualche annetto!
Ho scritto che è la 1.Parte solo perchè in futuro potrebbero
venirmi altri consigli su come sopravvivere ad un invasione aliena
e sarà lieto di farne una seconda parte!

QUINDI MI RACCOMANDO! SEGUITE QUESTA GUIDA E LA VOSTRA SOPRAVVIVENZA SARà SALVA!!

Mauriziano.

Annunci

Semplicemente mi presento.

Sembrerà banale,
ma iniziare un qualcosa usando una presentazione personale,
rimane una delle cose più difficili o complicate da fare.
Nel senso,
io ora dovrei raccontarvi qualcosa di me che vi possa accattivare e invogliare
a seguire il mio blog, ed io di cose in mente da dirvi ne avrei,
ma ad ognuna mi fermo e penso che sia meglio non dirla.
Insomma, non è cosi semplice presentarsi e riuscire sempre a fare bella figura.
Provo con la cosa più semplice.
Ciao! Mi chiamo Mauriziano, ho 25 anni e vivo a Firenze.
Sono nato a Piombino e cresciuto a Venturina, entrambi due paesi della provincia di Livorno.
Da piccolo ero uno di quei ragazzini buoni e mansueti, di cui tutti
facevano i complimenti ai miei genitori, per quanto fossi buono.
Da piccolo frequentavo la religione dei Testimoni di Geova ( ZITTI! SI LO SO!)
dato che mia madre e tutte le sue sorelle e nonna erano della stessa parrocchia.
Quindi immaginate sono cresciuto con un regime di vita fatto di proibizioni.
Non si poteva festeggiare il proprio compleanno, natale , pasqua , carnevale , halloween ecc ecc.
l’unica cosa che mi ricordo veniva festeggiata come festa,
oltre a qualcosa di religioso era “L’anniversario di matrimonio”,
insomma… se non ti sposavi.. ADDIO FESTA!
Comunque sia, nonostante la dottrina religiosa,
io,non smettevo di ribellarmi e la mia energia stava completamente uscendo fuori
fino a che all’età di 17 anni presi il mio zaino
e cominciai quell’avventura chiamata, VITA!
Non so come, trovai la forza di scappare di casa.. lascia una lettera nel porta trucchi di mia madre
e presi il treno delle 7 e 37 in lui … scusate non ho resistito… comunque
decisi di iniziare a vivere da solo.
La prima tappa fu Pisa, poi Firenze città e poi Dicomano… si Dicomano,
un ridente paesino nelle campagne mugellane, pensate che ci ho vissuto per più di 3 anni!
Una storia inverosimile della mia vita!
Facevo il pasticcere, abitavo una villetta in riva al fiume e condividevo casa mia con tutto il paese,
tanto è vero che fu battezzata ” VILLA MAURIZINO”.
Quanti ricordi fantastici ho vissuto in quella maledetta casa!
Da li persi il lavoro e mi ritrovai a fare il barista notturno in un noto cruising club
fiorentino e cosi presi una stanza a Firenze, precisamente in zona San Lorenzo.
La casa era in condivisione con Pizzetta.. chi è Pizzetta?
Bè, credo uno degli uomini della mia vita!
10 anni in galera per tentato omicidio ( Ha sparato ad un poliziotto mentre faceva una rapina)
ed eppure per me, rimane uno degli uomini più fantastici e buoni che abbia mai conosciuto.
Ho passato un anno con lui e ancora oggi a distanza di anni sento la sua mancanza.
Detto questo Firenze mi ha comunque portato fortuna,
arrivato in città iniziai a conoscere un sacco di gente,
all’epoca ero anche fidanzato ed avevo una di quelle relazioni che
a distanza di tempo ti chiedi.. ” MA PERCHè?”…
Ma nulla mi fermava o mi scoraggiava..dopo poco inizia a lavorare allo Yag Bar,
locale che mi ha completamente cambiato la vita.
Li inizia a organizzare e presentare eventi, tra cui quello più celebre “MISS FROCIAROLA”,
un giorno spiegherò meglio per chi non lo sapesse che concorso sia,
se volete potete documentarvi su facebook o youtube.
Insomma, facevo il barista e ogni tanto organizzavo eventi sempre all’interno dello Yag.
Oggi a distanza di anni il tutto è completamente cambiato,
vivo sempre a Firenze , ma sono una freccia che va tra Roma e Milano – MIlano e Roma -,
il lavoro è cambiato e si è evoluto ed io sono sempre più contento
di dedicare tutto il mio tempo e la mia vita alla mia piu grande passione.
Adesso invece alcuni di voi si chiederanno come mai stò aprendo un BLOG e soprattutto di quali
argomenti potrei parlare e discutere con voi.
Sarebbe semplice dirvi che qui potrete trovare di tutto,
perchè sicuramente sarà cosi, da sfoghi personali, recensioni, discussioni ecc ecc,
ma troverete anche una cosa molto fondamentale, la libertà di espressione.
Ebbene si, non me ne vogliate, non ho mai saputo stare zitto nella mia vita
e non vedo perchè dovrei proprio farlo qui.
Con questo la libertà a voi di pensare il contrario di me.
E adesso non mi rimane che dirvi che la mia avventura qui con voi è appena iniziata,
sarà lunga ma piena di colore!

Mauriziano